• Pasta fresca

    ANOLINI

    Pasta fresca all’uovo, ripiena del nostro pane e del miglior Parmigiano Reggiano, che galleggia in un fumante brodo di carne: ecco gli Anolini! È tipica di Parma ed è la pasta tradizionale di Natale e delle feste, ma è ottima in ogni occasione e in ogni periodo dell’anno.

    COMPRA ON-LINE

ANOLINI

Storia

Gli Anolini – da “anulus”, anello – nascono probabilmente nel XII secolo, come piatto popolare: appaiono nella “Cronica” di Salimbene de Adam già nel 1284. Nel ‘500 il famoso cuoco Bartolomeo Scappi li descrive invece come un cibo nobile che imbandiva le tavole di Re e Papi e ne scrive la ricetta, forse arricchendola. Successivamente, gli anolini diventano patrimonio della cucina popolare della tradizione di Parma e, nel XIX secolo, compaiono anche nel ricettario di Pellegrino Artusi. Oggi vengono consumati da tutti, e ogni occasione è buona per mangiarne un buon piatto, magari serviti nel loro brodo di cottura… perfino ad agosto!



Conservazione

Se non li consumate subito, potete congelare gli Anolini freschi: disponeteli su un vassoio coperto da un telo di cotone facendo attenzione a non sovrapporli e mettete in congelatore. Quando saranno duri, potranno essere trasferiti in un sacchetto da freezer; si conservano a lungo, e quando vorrete consumarli sarà sufficiente gettarli nel brodo bollente, direttamente da congelati.

Abbinamenti

Gli Anolini si abbinano benissimo con i vini emiliani: potete scegliere un bianco, come la malvasia dei Colli Piacentini, oppure un rosso, ad esempio il Colli di Parma DOC se lo preferite fermo, o un Lambrusco se amate le bollicine.

I NOSTRI VINI