• Salumi

    CULATELLO CON COTENNA O CULATTA

    Dolce e pastoso come il Culatello, morbido come il Prosciutto: uno dei migliori salumi dell’Emilia. Poco grasso, lavorazione e stagionatura naturali, poco scarto, fette uguali fino alla fine e cotenna che protegge il salume. Queste le principali caratteristiche della Culatta; è come un Culatello, ma più magro, senza gambo né fiocco o fiocchetto, senza femore e con cotenna. A fine stagionatura, viene ricoperta da sugna per mantenerne la morbidezza; prima di affettarla, la sugna viene eliminata. Un fattore fondamentale nella sua produzione è l’ambiente: il clima – tra l’asciutto e l’umido – della zona di produzione, la pianura della Bassa parmense, è molto importante, soprattutto per la fase di stagionatura.

    COMPRA ON-LINE

CULATELLO CON COTENNA O CULATTA

Storia

La storia della Culatta non è certo antica. Risale a poco dopo la guerra, mentre il culatello ed il prosciutto di cui è stretta parente sono prodotti antichi e conosciuti da secoli, una conoscenza di cui la culatta ha beneficiato e per quanto sia un prodotto giovane viene lavorato con tecniche e attenzioni affinate nei secoli.



Conservazione

Se volete farla stagionare dopo averla acquistata, potete tenere la Culatta in cantina, ma vi consigliamo una stagionatura massima di due anni. Una volta iniziata, conservatela in frigorifero avvolta con un panno, c’è chi consiglia un panno umido di vino bianco, noi per i prodotti con la cotenna preferiamo un panno asciutto ,proteggendo la parte tagliata con della pellicola.

Abbinamenti

Questo salume – vi consigliamo di tagliarlo a fette sottili – si abbina perfettamente al nostro pane, la Miseria (o Micca), poco salato e fragrante, magari spalmato di un velo di burro. È buonissimo anche con la torta fritta. Vi consigliamo di mangiare la Culatta accompagnandola con vini bianchi leggeri, che non coprano i suoi delicati aromi, o con Champagne o Spumanti.

I NOSTRI VINI