• Salumi

    SALAME GENTILE

    Salame ottenuto utilizzando le carni migliori e un budello, detto gentile, che ha un doppio velo di grasso e quindi permette una stagionatura più lunga dell’abituale, permettendo alle eccellenti carni di sviluppare aromi ed oli – deve fare la goccia quando è stagionato. È una lavorazione difficile in quanto la natura del budello favorisce le sacche d’aria, ma se fatto da un bravo norcino, con la sua macinatura spesso grossolana, regala pause di sapore infinito.

    COMPRA ON-LINE

SALAME GENTILE

Storia

Si chiama “gentile” in quanto essendo il più prelibato dei salami – sia per il sapore, sia perché utilizza solo una parte del budello del maiale, la più preziosa – era spesso oggetto di omaggio ai signori dell’epoca, i “Gentili”. Era quindi un salume non dedicato al popolo, che si doveva accontentare , quando poteva, di salami preparati con parti meno pregiate. Oggi per fortuna non è più così ed è un lusso alla portata di tutti.



Conservazione

Conservatelo sempre in un telo umido, acqua e un goccio di vino bianco. Se proprio dovete metterlo in frigorifero, fatelo nella parte bassa dove c’è meno freddo. E non pelatelo mai in anticipo. Anzi, tagliatelo con la sua pelle. Sulla prima fetta mettete la pellicola trasparente. La fetta nera che si forma è sinonimo di pochi conservanti.

Abbinamenti

Noi consigliamo di abbinarlo a Lambrusco o Malvasia. Di qualità ovviamente e serviti belli freschi. Con le loro bollicine terranno sempre pulito il vostro palato e vi permetteranno di degustarlo al meglio fetta dopo fetta. Il compagno ideale è il pane a pasta dura, la Micca o “Miseria”. Croccante fuori e morbido e delicato al suo interno. Fate la prova, non ve ne pentirete.

I NOSTRI VINI