• Pasta fresca

    TORTELLI DI ZUCCA

    In equilibrio tra il dolce e il salato, con una punta di amaro… ecco i requisiti per un buon tortello di zucca! Con o senza mostarda, con o senza amaretti: ci sono varie versioni di questa ricetta, ma tutte accomunate dall’ingrediente principale, la zucca. Vi riportiamo qui la nostra ricetta.

    COMPRA ON-LINE

TORTELLI DI ZUCCA

Storia

L’origine dei Tortelli di zucca risale probabilmente al Cinquecento, alla corte dei Gonzaga, a Mantova, e parallelamente a quella degli Este, a Ferrara. Qui, essendo molto importante l’arte della cucina e dell’accoglienza, vi erano i migliori cuochi, molti dei quali erano ebrei. Quando furono cacciati, circa un secolo dopo, fuggirono e portarono la tradizione di questo piatto a Cremona e poi in Emilia. Piatto nobile, ma preparato anche dai contadini in occasione delle feste, era tradizione consumarlo la sera della Vigilia di Natale.



Conservazione

Se non li consumate subito, potete congelare i Tortelli freschi: disponeteli su un vassoio coperto da un telo di cotone facendo attenzione a non sovrapporli e mettete in congelatore. Quando saranno duri, potranno essere trasferiti in un sacchetto da freezer; si conservano fino a 6 mesi, e quando vorrete consumarli sarà sufficiente gettarli nell’acqua bollente, direttamente da congelati.

Abbinamenti

I Tortelli di zucca sono perfetti accompagnati da un vino bianco aromatico e intenso, che ne contrasti la dolcezza del ripieno, come un Gewurztraminer dell’Alto Adige. Si abbinano bene anche con un bianco morbido, come uno Chardonnay, o con uno spumante. Dalle nostre parti invece si va sul rosso frizzante, con un bel lambrusco.

I NOSTRI VINI